Quanto dovrebbe costare un sito web?

Quanto dovrebbe costare un sito web?

Il titolo di questo articolo è provocatorio: non “quanto costa” ma “quanto dovrebbe costare”, perchè da addetti ai lavori sappiamo benissimo che non sempre l’investimento è proporzionale alla qualità ed alla quantità del lavoro svolto. Ed allora spostiamo il focus sul valore che andrebbe attribuito allo sviluppo di un sito web professionale.

Parametro 1: la consulenza

Il primo aspetto da considerare, e per quanto ci riguarda quello fondamentale, è il seguente: ok voglio fare il nuovo sito web della mia azienda, ma chi mi dice come farlo? Il mondo delle web agency, o più in generale degli “sviluppatori di siti Internet”, si divide in due grandi famiglie: gli esecutori ed i creatori. Tenete bene a mente questo concetto, perchè è essenziale… C’è molta differenza tra realizzare un sito sulla base delle richieste e dei contenuti del cliente o ideare un sito che raggiunga determinati obiettivi. Il paragone che spesso faccio è quello con un architetto: ci pensate voi o ci pensa lui a realizzare il vostro progetto di arredamento ? In sostanza, se mi affido a degli esecutori, allora la voce “consulenza” DEVE essere ridotta ai minimi termini. Diversamente, se la mia web agency sarà colei che mi chiarirà le idee, detterà le linee guida e mi farà capire quali contenuti mi servono, allora posso aspettarmi che a tutto ciò corrisponda un valore monetario, che può arrivare anche al 25%-30% del costo dell’intero progetto.

Parametro 2: tempi di sviluppo

Se devo realizzare un sito di 4 pagine è un conto, se ho un e-commerce è un altro paio di maniche. E’ chiaro no ? Ma come fare a capire come la complessità di un sito può impattare sui costi di sviluppo ? Non è semplice, e difficilmente nel nostro settore esiste una grande trasparenza sotto questo aspetto. Ma ci sono alcune linee guida che, solitamente, vengono rispettate:

1) un sito con pagine diverse tra loro, quindi con layout differenti, è senz’altro più impegnativo di uno con anche il doppio delle pagine ma tutte con la stessa impostazione grafica
2) un catalogo prodotti prevede sempre un costo aggiuntivo, la cui entità è legata alla complessità dello stesso (filtri sui prodotti, caratteristiche, numero immagini, allegati, ecc…)
3) l’utilizzo di un CMS (WordPress, Joomla, Magento ecc…) abbrevia sensibilmente i tempi di sviluppo – giusto che lo sappiate
4) l’inserimento dei contenuti delle pagine così dette “dinamiche” (catalogo prodotti, news ecc…) è solitamente lasciato al cliente, o prevede un costo aggiuntivo proporzionale al numero di elementi da inserire
5) personalizzazioni o integrazioni particolari comportano, normalmente, costi maggiori in quanto più risorse devono essere impiegate nello stesso progetto. Sono un esempio siti che pubblicano contenuti provenienti da un gestionale, o che vanno a pubblicare su risorse esterne di video sharing, file sharing ecc…

Cercate quindi sempre di capire da subito il livello di complessità del sito che intendete realizzare, e soprattutto prima di ricevere una quotazione economica.

Parametro 3: valore aggiunto

Sotto questo termine vogliamo includere tutte quelle attività che, siamo onesti, non tutte le web agency svolgono quando realizzano un sito web, seppur importante ed impegnativo. E ci riferiamo ad aspetti che rendono un progetto qualsiasi un progetto valido, di livello. Inutile esporvi il nostro consiglio: pretendete sempre che queste attività siano svolte, ed anche bene. E’ inevitabile, tuttavia, che ciò comporti un costo aggiuntivo, ma ne vale davvero la pena, e soprattutto queste attività sono parte integrante di un lavoro fatto a regola d’arte. Vediamo alcune di esse:

a) messa in sicurezza, sia lato software che (laddove previsto) lato server. Parleremo prossimamente di cosa significhi mettere in sicurezza un sito web, ovviamente capirete da soli quanto sia importante, oggi come oggi, evitare che chiunque possa compromettere la reputazione del vostro dominio o, peggio, diffondere contenuti illegali
b) testing approfondito, sia lato device (dispositivo) che lato browser. Oggi i siti Internet sono visionati da utenti che utilizzano tecnologie (hardware e software) di vario tipo: forse non lo sapete, ma esistono centinaia di browser, di cui almeno 5 di larga diffusione (IE, Chrome, Firefox, Safari, Android), e diversi tipi di device (pc, smartphone, smart TV, tablet ecc…). Bene, il vostro sito dovrà funzionare in modo impeccabile su ognuno di essi …
c) gestione dei contenuti, e non ci riferiamo solo alla possibilità di modificare pagine, articoli, immagini ecc… (che oggi ormai qualsiasi piattaforma di sviluppo offre), ma alle modalità con la quale tale possibilità viene offerta. E’ semplice? E’ fattibile da qualsiasi postazione? Sarò istruito a dovere ed aiutato? Riceverò delle linee guida su quanto e come modificare i contenuti del mio sito web, in modo da mantenerlo sempre al passo con i tempi?
d) idee di sviluppo, questo è un plus ma non dovrebbe mai mancare. Solitamente lo sviluppo di un nuovo sito web è solo la base di partenza per un’attività seria di web marketing, e dovrebbe quindi prevedere futuri sviluppi. Ecco, qui sta la differenza: consegnare un sito e dedicarsi poi alla mera post-vendita / SEO, oppure pianificare già i successivi step ed integrazioni? Un catalogo prodotti oggi come e quando lo faremo diventare un e-commerce ? Strategia al giusto prezzo…

Parametro 4: sito SEO oriented?

Quarto e ultimo parametro fondamentale: la SEO. Il sito avrà ambizioni di alto profilo sui motori di ricerca? Bene, perchè in tal caso i dettagli faranno la differenza. Presupponendo infatti che le attività SEO siano slegate dai costi di sviluppo del sito, quest’ultimo dovrà però essere perfettamente indicizzabile, pulito, leggero e, soprattutto, dovrà essere stato studiato anche in tale ottica: quindi alberatura dei contenuti, percorsi di navigazione, menu e tutto quanto compone la struttura dovrà essere stata analizzata ad inizio lavori. Ed ovviamente, questo tipo di analisi si paga, giustamente, anche se potrebbe essere imputata ai costi legati alla SEO (dal mio punto di vista erroneamente, visto che spesso la SEO viene eseguita solo in un momento successivo, anche a distanza di mesi… a quel punto cosa fai, rifai tutto da capo?).
Suggerimento: non rinunciate mai, e ripetiamo MAI, ad un sito SEO oriented… Perchè forse oggi avete già 1.000.0000 di clienti, e non vi interessa minimamente essere trovati su Google, ma un domani non lo sapete. E le cose cambiano in fretta, nascono nuove idee e nuovi mercati, ed essere predisposti da subito è essenziale per non trovarsi poi a dover ri-smontare tutto il sito e trovarsi con costi ben più alti.

Ci sono poi altri aspetti che si aggiungono a quelli sopra elencati, e che possono spostare (anche se non di molto) il livello dell’investimento: tempi di consegna (come in tutte le cose, prima la voglio più la pago…), hosting di pubblicazione (solitamente le web agency tendono a favorire la pubblicazione del sito sui propri server), presenza di più lingue ecc… Ma in estrema sintesi, per garantire a voi il trattamento più equo possibile, ed alla web agency di poter quantificare adeguatamente il lavoro da svolgere, il percorso corretto dovrebbe sempre essere questo:

INCONTRO CONOSCITIVO > DEFINIZIONE OBIETTIVI > BOZZA DI PROGETTO > QUOTAZIONE ECONOMICA

Nessuno di questi step può essere evitato o accelerato, perchè quello successivo poggerebbe a quel punto su basi poco solide, con ripercussioni poi durante le attività o, peggio, a sito ultimato (ah ma questa cosa la devo fare io? Ma non avevamo detto così? Ma questo non l’avevo capito…).
Quindi diffidate davvero di chi vi sottopone offerte entro poche ore senza nemmeno conoscervi, o di chi promette risultati estremamente ambiziosi senza avervi chiarito come intende raggiungerli, perchè se è vero che potreste anche non conoscere i parametri per giudicare la validità di un’offerta, è altrettanto vero che basta solo un pò di buon senso per capire che non posso ricevere garanzie di un progetto di assoluto livello da chi ci dedicherà 3 giorni, Spendete un pò di tempo anche per capire davvero quali obiettivi siano raggiungibili, perchè magari  potreste accorgervi che vi serve qualcosa di diverso da quello che pensavate… E sopratutto, investite il giusto, con la certezza di pagare solo e soltanto il tempo di chi realizzerà il vostro progetto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.